Il primo ospedale alimentato ad energia solare in Siria

siria-pannelli-solari-ospedale-300x157

IL BISOGNO E L’IDEA

La rete elettrica siriana è stata sottoposta ad intensi bombardamenti e questo ha minato la stabilità e la possibilità di accesso all’elettricità di molte strutture, ospedali compresi. Dopo sei anni di guerra civile che hanno messo in ginocchio la rete elettrica siriana, ora il primo ospedale civile potrà essere alimentato senza interruzioni di corrente elettrica. È il primo progetto del genere realizzato dalla Union of medical care and relief organizations (Uossm), un’associazione internazionale medica che fornisce supporto in Siria la quale, dopo mesi di test, ha messo in funzione un impianto fotovoltaico della capacità di 127 kW.

A man walks on the rubble of damaged buildings in the rebel-controlled area of Jobar, a suburb of Damascus

CARATTERISTICHE DELL’IMPIANTO

Il suddetto impianto è composto da 480 pannelli solari e da un sistema d’accumulo di energia di 288 batterie. Il tutto è in grado di soddisfare buona parte dell’intero fabbisogno energetico dell’ospedale (di cui non sono stati forniti né il nome né la posizione per motivi di sicurezza). Infatti “La Siria si trova in una delle migliori regioni a livello mondiale per raccogliere l’energia solare e per questo deve essere sfruttata“, così ha dichiarato Tarek Makdissi, direttore del progetto Siria Solar.

SyriaSolar-Field-768x447

L’impianto pronto ad entrare in funzione. Foto di Uossm.

L’OBBIETTIVO RAGGIUNTO: LA SICUREZZA ENERGETICA

Con l’impianto in funzione è possibile risparmiare in media oltre 7mila litri di gasolio al mese, che equivale a circa il 20-30 per cento dei costi energetici dell’intero ospedale. L’impianto potrà alimentare tutte le strutture di emergenza, le sale operatorie e le unità di terapia intensiva, oltre a 6 incubatrici le quali devono essere sempre alimentate per mantenere costante la temperatura al loro interno (basterebbe un’interruzione di mezz’ora per causare gravi danni ai neonati).

Syriasolarinstallation-1-768x375

Tecnici al lavoro per l’installazione dei moduli. Foto di Uossm.

“L’obiettivo ora è quello di potenziare il sistema sanitario installando impianti simili in almeno altri cinque ospedali critici”, ha sottolineato Makdissi. “Il nostro sogno è vedere tutte le strutture mediche in Siria che operano con energia pulita e sostenibile”.

Potrebbe interessarti anche:
Fotovoltaico ed energia pedonale: verso un mondo più sostenibile
I vostri test: l’impianto fotovoltaico da 3kW di Giovanni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...