L’impianto fotovoltaico 2,5kW con accumulo di Roberto

Oggi ringraziamo Roberto di Senigallia che ha vestito i panni di “blogger per un giorno” e ha voluto condividere con noi la sua esperienza con il suo impianto fotovoltaico con accumulo:

Da maggio a settembre di quest’anno non ho prelevato corrente dalla rete Enel!

 

“Vorrei fare una breve premessa: negli ultimi anni ho riflettuto molto sul concetto di energia, la domanda che mi ponevo spesso quando premevo un interruttore e la luce si accendeva era: ma che cosa c’è dietro a questo semplice gesto? Un mondo complesso che attinge da combustibili fossili, con ripercussioni devastanti  per l’ambiente che ci circonda. Ecco perché ho scelto di installare un impianto fotovoltaico ad isola, diventando “produttore” ritengo di aver acquisito una maggiore consapevolezza del suo utilizzo e un atteggiamento più sensibile nel suo impiego quotidiano.
foto-4-medium
La mia abitazione è di circa 90 mq, l’illuminazione è completamente a led, con elettrodomestici in classe A++, mentre il forno è a gas così come il piano cottura.
Alla sera, quando i pannelli non producono più energia, posso disporre di circa 3200 kWh per i miei fabbisogni. Analizzando le bollette, per dimensionare l’impianto fotovoltaico, il consumo medio giornaliero fino ad ottobre 2015 era di 3,25 kWh, mentre ora è sceso a 1,33 kWh, mentre da maggio a settembre di quest’anno non ho prelevato corrente dalla rete Enel!
L’impianto è così composto:
montagna_2
Siamo una famiglia di 2 persone, io e la mia compagna abbiamo cambiato ovviamente le nostre abitudini, ad esempio la lavastoviglie parte solo dopo pranzo, così come la lavatrice e le utenze con maggior consumo di corrente elettrica. Gestiamo la risorsa energetica come se non ne avessimo altra al di fuori dell’impianto fotovoltaico, è un buon esercizio, poi ci sono le giornate coperte e in questo caso siamo costretti a prelevare dall’Enel, purtroppo!
Considerando la mia posizione geografica (provincia di Ancona), l’orientamento dei pannelli a sud, l’inclinazione della falda del tetto di 35 gradi, mi permette di avere una buona produzione fin dal mese di aprile, con l’apice nei mesi estivi, fino ad arrivare a novembre.
Questo impianto fa parte di un progetto di casa fuori griglia – al quale sto lavorando da diverso tempo – inoltre ho installato un impianto per la produzione dell’acqua calda e la casa si riscalda con una stufa a legna in ghisa da 10kwatt.
foto-5-medium
I mesi più critici sono da novembre a marzo e qui ci vorrebbe un generatore micro eolico, è un idea alla quale sto lavorando e magari il prossimo anno di questi tempi … vedremo.
Mi hanno chiesto se valeva investire denaro per un impianto fotovoltaico, magari con quei soldi avrei pagato le bollette per qualche anno. La mia risposta è stata: “Sei sicuro che potrai avere corrente allo stesso prezzo nei prossimi anni? Accendere un condizionatore in estate senza dover soffocare per il caldo, perché costa tenerlo acceso? E non ultimo, che in caso di blackout posso disporre di una fonte autonoma di energia?”
Colgo l’occasione per ringraziare lo staff de Il Portale del Sole, perché è grazie alla loro competenza e professionalità che ho potuto realizzare un impianto fotovoltaico del quale sono pienamente soddisfatto e soprattutto di poterlo consigliare a chi ha deciso di intraprendere la via dell’indipendenza energetica.”
Piaciuto quest’articolo? Potrebbero interessarti anche:
Advertisements

2 risposte a “L’impianto fotovoltaico 2,5kW con accumulo di Roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...