Ecobonus 50% e 65%: la differenza

Dopo il via libera del Governo alla proroga 2013 sulle detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e riqualificazione energetica, si sono moltiplicati i dubbi sulla modalità di fruizione dei bonus, previste dalla bozza di decreto legge che recepisce la direttiva 2010/31/UE sul risparmio di energia negli immobili.

Vediamo quindi di fare chiarezza:

Ecobonus 50% sulle ristrutturazioni

La legge di stabilità 2015 ha prorogato al 31 dicembre 2015 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%), confermando il limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare. A partire dal 2016, se non verrà ulteriormente prorogata, la detrazione tornerà a essere pari al 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

E’ stata inoltre prorogata la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione, per un massimo di 10.000 euro, indipendentemente dal valore della ristrutturazione.

Anche l’acquisto dei pannelli fotovoltaici rientra nella detrazione del 50% fino al 31 dicembre 2015. Sui dettagli e gli adempimenti della detrazione del 50% abbiamo parlato in quest’articolo.

In questa categoria rientrano anche le lampadine LED! Leggi qui maggiori info.

Ecobonus 65% sul risparmio energetico

La legge di stabilità 201 5 ha prorogato al 31 dicembre 2015 anche la detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, nella misura del 65%. Nella stessa misura è prevista anche la detrazione per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e per quelli che riguardano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

In particolare, le detrazioni sono riconosciute se le spese sono state sostenute per:

  • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi )
  • l’installazione di pannelli solari termici (per la detrazione delle spese sostenute per i pannelli solari fotovoltaici, leggi qui)
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

La legge di stabilità 2015 ha inoltre :

  • aumentato dal 4 all’8% la percentuale della ritenuta d’acconto sui bonifici che banche e Poste hanno l’obbligo di operare all’impresa che effettua i lavori.
  • esteso l’agevolazione ad altre tipologie di interventi . In particolare, dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015 si può usufruire della detrazione anche per l’acquisto e la posa in opera di 1) schermature solari, nel limite di 60.000 euro 2) impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, nel limite di 30.000 euro.
  • eliminato l’obbligo di inviare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate per i lavori che proseguono per più periodi d’imposta.
  • esonerato dall’obbligo di presentazione dell’attestato di certificazione (o qualificazione) energetica per la sostituzione di finestre, per l’installazione dei pannelli solari e per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.
  • eliminato l’obbligo di indicare separatamente il costo della manodopera nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori.

Detrazione massima ecobonus 65

Condizione indispensabile per fruire della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali (per l’attività d’impresa o professionale). La prova dell’esistenza dell’edificio può essere fornita dalla sua iscrizione in catasto o dalla richiesta di accatastamento, oppure dal pagamento dell ’imposta comunale (Ici /Imu), se dovuta. Non sono agevolabili, quindi, le spese effettuate in corso di costruzione dell’immobile.

L’esclusione degli edifici di nuova costruzione, peraltro, risulta coerente con la normativa di settore adottata a livello comunitario in base alla quale tutti i nuovi edifici sono assoggettati a prescrizioni minime della prestazione energetica in funzione delle locali condizioni climatiche e della tipologia.

Cumulabilità con altre agevolazioni

La detrazione d’imposta (55 o 65 % ) non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per i medesimi interventi da altre disposizioni di legge nazionali (quale, per esempio, la detrazione per il recupero del patrimonio edilizio). Se gli interventi realizzati rientr ano sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico sia in quelle previste per le ristrutturazioni edilizie, si potrà fruire, per le medesime spese, soltanto dell’uno o dell’altro beneficio fiscale, rispettando gli adempimenti previsti per l’agevolazione prescelta.

Installazione di pannelli solari

Per l’installazione di pannelli solari termici, il valore massimo della detrazione fiscale è di 60.000 euro . Per interventi di installazione di pannelli solari si intende l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. I fabbisogni soddisfatti con l’impianto di produzione di acqua calda possono riguardare non soltanto la sfera domestica o le esigenze produttive ma, più in generale, l’ambito commerciale, ricreativo o socio assistenziale.

In pratica , possono accedere alla detrazione tutte le strutture che svolgono attività e servizi in cui è richiesta la produzione di acqua calda.
Per l’asseverazione dell’intervento concernente l’installazione dei pannelli solari è richiesto:

  • un termine minimo di garanzia (fissato in cinque anni per i pannelli e i bollitori e in due anni per gli accessori e i componenti tecnici)
  • che i pannelli siano conformi alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976, certificati da un organismo di un Paese dell’Unione Europea e della Svizzera.

Gli adempimenti richiesti

Per beneficiare dell’agevolazione fiscale è necessario acquisire i seguenti documenti:

  • l’asseverazione
  • l’attestato di certificazione/qualificazione energetica
  • la scheda informativa

che devono essere rilasciati da tecnici abilitati alla progettazione di edifici e impianti nell’ambito delle competenze ad essi attribuite dalla legislazione vigente, iscritti ai rispettivi ordini e collegi professionali. Non è invece necessario effettuare alcuna comunicazione preventiva.

Entro 90 giorni dalla fine dei lavori occorre trasmettere all’Enea (Ente per l’energia e l’ambiente): 1) copia dell’attestato di certificazione o di qualificazione energetica (allegato A del decreto) 2) la scheda informativa (allegato E o F del decreto), relativa agli interventi realizzati.
La trasmissione deve avvenire in via telematica, attraverso il sito internet dell’Enea (www.acs.enea.it).

Adempimenti per detrazione 65

Quadro sintetico dei principali adempimenti

Come fare i pagamenti per la detrazione fiscale

Un vincolo importante riguarda il pagamento dei materiali e dei lavori oggetto della detrazione fiscale, che deve necessariamente avvenire mediante bonifico bancario o postale. Questo deve riportare il codice fiscale del contribuente, la partita IVA della ditta che esegue i lavori e come casuale i riferimenti alla legge che introduce le agevolazioni.

Non sono oggetto di agevolazione, quindi non è necessario che vengano pagate con bonifico le spese relative agli oneri di urbanizzazione, le ritenute d’acconto dei professionistiche effettuano la prestazione, l’imposta di bollo, le concessioni e le necessarie autorizzazioni.

Per maggiori dettagli leggi il comunicato dell’Agenzia delle Entrate e il Decreto Ecobonus

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...