Quadri di commutazione: a cosa servono?

Non tutti i sistemi fotovoltaici sono uguali. Oggi vi spieghiamo che cosa sono i quadri COMSI de Il Portale del Sole.

I COMSI (COMmutazione e Spegnimento Inverter) sono stati ideati e ingegnerizzati dai nostri esperti, che, giorno per giorno, analizzano e risolvono le problematiche più comuni nei sistemi fotovoltaici ad accumulo.

quadro di commutazione per impianto fotovoltaico

Quali funzioni offrono questi COMSI? Vediamole insieme:

Consumo zero dell’inverter quando si è connessi a Enel

Questo è sicuramente l’aspetto più importante. Quando le batterie sono scariche e il sistema sta attingendo l’energia dalla rete, l’inverter, seppur staccato e temporaneamente inutile, normalmente resta attivo. E’ però importante evidenziare che l’inverter ha un proprio consumo non trascurabile, anche a vuoto: un consumo che può andare dai 30 ai 150W, a seconda del modello e della potenza dell’inverter, e che pertanto su base notturna (12 ore) vuol dire da 360 a 1800 wattora a notte! Come dire che da 1 a 4 pannelli da 250W saranno dedicati, in inverno, solo a tener acceso l’inverter. Che spreco!
Inoltre, un maggior consumo a carico delle batterie vuol dire anche una minor vita delle batterie stesse.
La funzione di stand-by, di cui la maggior parte degli inverter è dotata, può ridurre questo consumo, mettendo in “dormiveglia” l’inverter in assenza di carico, ma non è utilizzabile in modo pratico in una casa, in quanto la riaccensione non è istantanea ed è subordinata ad una soglia minima di consumo, al di sotto della quale l’inverter non si accende.

I quadri COMSI permettono di risolvere questo tipo di problematica, in quanto:
spengono automaticamente l’inverter quando il sistema è commutato su Enel
riaccendono automaticamente l’inverter pochi secondi prima di ricommutare sulle batterie

Ricarica solo Solare

In situazione di normale uso, le batterie vengono ricaricate solo dal Sole e non dalla rete Enel, operazione che, passando dall’inverter, avrebbe un suo rendimento (cioè energia persa nella trasformazione di energia) e quindi non sarebbe conveniente.
La ricarica da rete Enel può essere comunque effettuata, ma solo se e quando serve, ad esempio per garantirsi energia di riserva in prolungati periodi di maltempo.

Bypass del sistema solare in emergenza

In caso di manutenzione o anomalie del sistema solare non si resta al buio, in quanto il sistema si autoesclude e l’alimentazione viene commutata automaticamente sulla rete Enel.

Energia di riserva antiblackout

Oltre al livello di scarica “normale”, cui corrisponde la commutazione automatica sulla rete Enel, si può utilizzare un secondo livello di scarica più profonda, per prelevare energia di emergenza in caso di blackout.

Vuoi saperne di più sugli impianti fotovoltaici con accumulo? Possono interessarti questi articoli:

Accumulo: la vera opportunità per il fotovoltaico

Autoconsumo e accumulo: approfondiamo insieme

Addio Enel!

Pannelli solari e condominio: si può!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...