Energy management domestico. Risparmio energetico anche in casa.

Per poter essere competitiva, una Utility dell’Energia deve confrontarsi,  oggi, con i nuovi mercati delle energie rinnovabili. Attraverso la pianificazione del mix energetico, la utility integra la domanda con l’offerta per poter acquistare energia all’ingrosso da rivendere al miglior prezzo.

Per i tecnici questo procedimento si chiama Pianificazione integrata delle risorse energetiche. L’ #IRP (Integrated Resource Planning) prevede da un lato la modulazione attenta degli acquisti e dall’altro il Management della Domanda di energia #DSM (Demand Side Management).

In questo spazio di programmazione trovano  piena applicazione i principi della liberalizzazione del mercato elettrico:

  • possibilità, per l’acquirente finale, di procurarsi energia al miglior prezzo dal gestore di fiducia
  • nuova possibilità, per l’acquirente finale, di produrre energia da fonti rinnovabili (fotovoltaico, eolico, etc) per autoconsumo oppure per l’immissione in rete e quindi la vendita al GSE.

Ecco che per le utility diventano fondamentali le implementazioni delle reti in senso “intelligente”, la realizzazione di Smart Grid, in grado di assorbire l’energia prodotta dagli impianti a fonte rinnovabile, distribuiti sul territorio (generazione distribuita).

PIANIFICAZIONE  ENERGETICA

Cosa porta all’utente finale la pianificazione energetica della Utility?

Tra i benefici di un buon management della Utility, oltre all’evidente influenza sui costi dell’energia in acquisto, per al stessa utility e per tutti i suoi clienti, trova spazio la crescente disponibilità di energia prodotta da fonti rinnovabili: energia pulita, con bassi costi di ricaduta sui territori, tutela dell’ambiente, abbassamento della concentrazione di polveri sottili e conseguente riduzione dei costi sanitari per la collettività.

Pianificazione per una utility ma anche in casa propria

I benefici della pianificazione per un fornitore di energia professionale sono proporzionalmente ottenibili anche in casa nostra.

Anche nella dimensione domestica è sempre più necessario agire da energy manager. La crescente sensibilità alle variazioni climatiche, ma anche la cogente necessità di risparmiare, sta portando le famiglie ad adottare precise strategie.

 

energy-management-lifecycle copy

Per risparmiare energia è necessario innanzitutto essere consapevoli dei consumi, controllare le bollette ma anche monitorare  l’assorbimento delle singole utenze.

E’ già provato che la consapevolezza dei consumi sia il primo volano per razionalizzare gli sprechi!

Per risparmiare potremmo inoltre decidere di auto-produrre energia fotovoltaica per coprire una parte del nostro fabbisogno oppure, con l’aiuto di batterie, produrne la totalità.

 

Se hai letto questo articolo potrebbero interessarti anche

Azzerata la Bolletta.. che soddisfazione!

Installazione di un impianto fotovoltaico a isola

Come sostituire le vecchie lampadine ad incandescenza con i LED

 

Acquirente Unico, cosa fa?

Smart Grid – Le nuove opportunità

Il meteo delle fonti rinnovabili

 

Idee Regalo? Regala il Sole!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...